Lucis Trust / La Scuola Arcana / Conferenza / Archivio / 2008 / Lettera Tre Feste Spirituali 2008  

Lettera Tre Feste Spirituali 2008

Caro amico,

Uno dei più grandi contributi offerti dai libri di Alice Bailey è la visione ispiratrice che offrono del Piano per il nostro mondo, sia riguardo al livello universale dell’evoluzione della coscienza nella storia, sia sulla parte che ogni essere umano può svolgere nel manifestare il Piano divino nell’ambito della propria sfera individuale di responsabilità. Quel Piano è ora, come molti interpreti dei fatti storici e studenti della Saggezza Eterna possono attestare, a un punto critico. Recentemente il giornalista Thomas Friedman, che ha partecipato alla conferenza delle Nazioni Unite sui mutamenti climatici di Bali nel dicembre 2007, ha notato un sentimento largamente diffuso, sebbene non espresso a parole, che emergeva con chiarezza in tutte le discussioni: “La parola ‘rimandare’ non può più essere usata dalla nostra generazione”.

Non è solo la crisi ambientale che rende l’urgenza del tempo presente innegabilmente chiara; i pericoli nati dal senso di separatività evidenziano anche il bisogno dell’umanità di ricucire le fratture che essa stessa ha causato. L’incremento della disparità economica tra ricchi e poveri e la crescente intolleranza religiosa si ergono a minacce concrete per la stabilità del mondo. La lotta per la libertà di fede e di pensiero da una parte e la resistenza degli estremisti fondamentalisti di tutte le religioni dall’altra, insieme all’attuale “politicamente, socialmente e teologicamente corretto” stanno costringendo tutte le persone pensanti a esaminare il loro sistema di valori e a rivedere i principi che governano le loro vite.

Il tema della “Nuova Religione Mondiale” presentato negli scritti di Alice Bailey offre un’affascinante interpretazione alternativa al problema delle divisioni religiose. A volte si fraintende il significato dell’abolire le tradizioni religiose come sono conosciute ora e come sono spesso rispettate dai loro seguaci, ma la nuova religione mondiale non prevede l’annullamento di queste differenze poiché sono spesso intimamente collegate a fattori storico culturali che rispondono ai bisogni specifici dagli appartenenti a queste fedi. Alice Bailey, presentò la visione di una unità di fede soggettiva, che può essere percepita dalle persone di buona volontà e dai ricercatori spirituali nonostante alcuni di essi continuino a professare le loro specifiche tradizioni religiose.

Le tre Feste spirituali – la Pasqua, la grande festa d’Occidente celebrata al plenilunio di Aries; il Wesak, la grande festa orientale celebrata al plenilunio di Taurus e la festa della Buona Volontà (festa del Cristo) celebrata al plenilunio di Gemini – sono la dimostrazione dei collegamenti che uniscono diverse tradizioni religiose: Cristianesimo e Religione Ebraica (che hanno fornito le basi per il lavoro del Cristo), l’Islam (che Alice Bailey ha descritto essere “un ramo ibrido della Cristianità”) e il Buddismo con il suo storico collegamento all’Induismo. La stretta relazione tra “i due fratelli”, il Cristo e il Buddha, testimoniata ogni anno al Wesak, che produce una conseguente emanazione di energia spirituale alla festa del Cristo, è una conferma della sottostante unità che esiste nel lato interiore della vita. Al centro di questo vortice di energie spirituali convergenti si erge il Cristo. Cristo, dal greco Cristos, significa l’unto dal Signore, lo stesso significato dato al termine ebraico “ Massiah” (Messia). L’Imam Mahdi, “Colui che è guidato” atteso dagli Sciiti mussulmani, il Buddha Maitreya atteso dai buddisti e il Kali Avatar predetto dagli scritti Indù sono solo alcuni dei nomi dati dalle numerose tradizioni religiose in tutto il mondo alla largamente condivisa speranza di un Salvatore del Mondo.

Questa speranza è abbracciata dalla nuova religione mondiale come una testimonianza della relazione tra uomo e Dio, espressa da San Paolo con le parole “Cristo in voi, speranza di gloria”. Edgar Cayce la chiamò “il modello per ogni uomo sulla terra, sia esso Gentile o Ebreo, seguace di Zoroastro o Greco. Poiché tutti hanno un modello, nonostante vi si rivolgano con un nome o un altro”. La nuova religione mondiale guarda anche al ritorno del Cristo come un’ affermazione della continuità nella rivelazione e dei divini approcci. Il riconoscimento della necessità umana di anelare a un avvicinamento a Dio, al Divino, e non semplicemente di "attendere un soccorso", è un elemento chiave della nuova religione mondiale ed è alla base del profondo significato delle tre Feste spirituali.

A questo punto del ciclo annuale, l’umanità deve cogliere l’opportunità di cooperare a un atto unificato d’invocazione generato dal riconoscimento del bisogno spirituale. Il processo d’invocazione, il potere motivante che soggiace alla nuova religione mondiale, sarà basato sullo sforzo unificato delle moltitudini d’individui di immaginare un mondo di giuste relazioni umane, nel quale il regno della materia è concepito come il mezzo di manifestazione dello Spirito, non in antitesi con esso. Questa forma d’invocazione troverà le sue basi nella realizzazione della sottostante sintesi che soggiace alla molteplicità delle forme e nel potere della volontà di bene di rivelare i mezzi per stabilire le giuste relazioni tra le parti e il Tutto.

La Grande Invocazione è lo strumento per eccellenza a disposizione dell’umanità per contribuire all’atto unificato d’invocazione all’interludio superiore delle tre Feste spirituali. L’Invocazione è stata tradotta in molte lingue ed è disponibile sul nostro sito web (www.lucistrust.org/Service Activities/Great Invocation) ed è distribuita in ttto il mondo. Il risuonare della Grande invocazione, in particolare nei gruppi di meditazione, è un importante e vitale atto di servizio per l’interludio superiore dell’anno e v’incoraggiamo a partecipare ai gruppi di meditazione per ciascuna delle tre Feste oppure, se non esiste un tale gruppo nella vostra comunità, v’invitiamo a considerare la possibilità di organizzare voi stessi un gruppo simile non importa quanto piccolo. Il Cristo ci assicurò che “laddove due o tre sono riuniti nel mio Nome, là sono Io”. Un gruppo di meditazione al momento delle feste mensili è una pietra miliare nella fondazione della nuova religione mondiale e noi saremmo particolarmente felici di fornire tutto il materiale informativo necessario nell’eventualità decidiate di formare un gruppo.

La meditazione di gruppo è in linea anche con un altro elemento della nuova religione mondiale: la realizzazione che l’energia è la base di tutta la vita. La scienza, dalla sua prospettiva, ha molto contribuito in questa direzione. Ora occorre l’impegno di persone intelligenti, di buona volontà e orientate spiritualmente per sincronizzare il gruppo di meditazione e invocazione con l'accostamento mensile e annuale con la Gerarchia spirituale – di Dio verso l’umanità e dell’umanità verso Dio.

“La parola ‘rimandare’ non può più essere usata dalla nostra generazione”, ha detto Thomas Friedman. La realizzazione dell’urgenza e dell’opportunità del presente ciclo nella storia umana fu espressa in un altro modo nel “Trattato di magia Bianca” di Alice Bailey: “Esorto tutti i collaboratori a ricordare che il momento dell’opportunità è giunto, ma che ha un termine. Questo tipo di opportunità non durerà per sempre. La meschinità degli attriti umani, l’incapacità di comprendersi l’un l’altro, i piccoli difetti radicati nella personalità e che, dopo tutto, sono effimeri, le ambizioni e le illusioni devono tutte scomparire. Se i lavoratori mettessero in pratica il distacco, sapendo che la Legge opera e che i propositi di Dio devono giungere a una conclusione finale, se imparassero a non criticare mai nel pensiero o con le parole, la salvezza del mondo procederebbe rapidamente e la nuova era d’amore e illuminazione verrebbe inaugurata”.

La nota chiave della conferenza della Scuola Arcana di quest’anno è: “Quando una crisi umana e una crisi gerarchica coincidono, emerge un’ora di opportunità. Che il Gruppo risponda". Voi e i vostri amici siete gentilmente invitati alle conferenze e agli incontri per le Feste nei tre centri:

Festa della Pasqua (plenilunio di Aries) – 21 marzo (20 marzo a New York)
Festa del Wesak (primo plenilunio di Taurus) – 19 aprile
Conferenza di New York – 17-18 maggio
Secondo plenilunio di Taurus – 19 maggio
Conferenza di Ginevra – 7-8 giugno
Conferenza di Londra – 14-15 giugno
Festa del Cristo e giornata della Grande Invocazione – 18 giugno

Uniti nel servizio,

LUCIS TRUST