Lucis Trust / Actività di Ser... / Buona Volontà M... / Notiziario dell... / Copie recenti / 2008 #2 - Il Significato della Democrazia  

2008 #2 - Il Significato della Democrazia

Alice Bailey prospetta l'idea che l'universalità della democrazia sia la risposta– ancora imprecisa – dell'umanità alla pura energia d'Amore, e suggerisce che una vera democrazia potrà realizzarsi “mediante un giusto uso dei sistemi educativi e un costante allenamento delle persone a riconoscere i valori più belli, il punto di vista più giusto, l'idealismo più alto e lo spirito di sintesi e un'unità di cooperazione”. Ella indica che, per andare verso questa vera democrazia, è necessario un maggior numero di persone realmente risvegliate; quando questo si sarà realizzato, “vedremo compiersi una purificazione del campo politico e una depurazione delle nostre procedure rappresentative istituzionali, e la gente esigerà, da coloro cui ha affidato un'autorità, un rendiconto più preciso di quanto viene fatto. Dovrà esserci infine un legame più stretto tra il sistema educativo, il sistema legale e il governo, ma tutti saranno diretti ad uno sforzo di attuare i migliori ideali dei pensatori del giorno”. ( Esternalizzazione della Gerarchia pp. 52-3) 1 A quel punto, “…le persone non tollereranno più l'autoritarismo di alcuna chiesa o il totalitarismo di alcun sistema politico o governo; non accetteranno né permetteranno più il dominio di alcun organismo di uomini che pretenda di dire in cosa debbano credere per salvarsi, o che governo debbano accettare”. ( op. cit. p. 618)

Sebbene la democrazia possa presentarsi in un'ampia varietà di forme, ci sono alcune caratteristiche fondamentali condivise dalla maggior parte. Queste sono: tutti coloro che sono in grado di decidere in che modo li si governa devono avere regolarmente voce in capitolo su come questi leader vengono scelti – quindi un ciclo elettorale regolare; che il voto di ogni cittadino, dal più ricco al più povero, conta allo stesso modo in questo processo – quindi la necessità di votazioni segrete; 2 e che ogni cittadino è totalmente libero di decidere a chi dare il suo voto, senza intimidazioni o ricatti – quindi la necessità di una forza politica e un esercito non politicizzati. Inoltre, ciascun cittadino deve aver accesso alle informazioni su coloro che aspirano a guidarli – quindi i media devono essere liberi di offrire una copertura libera e imparziale di tutto quanto è relativo a una procedura elettorale.

Certamente, quando pensa alla democrazia, la maggior parte della gente intende la democrazia liberale – ossia la combinazione di democrazia, intesa come metodo di scelta del governo, e liberismo costituzionale, cioè la protezione dell'autonomia e dignità personale contro ogni forma di coercizione, da parte dello stato, della chiesa o della società. Ognuno dei due elementi tende a rafforzare l'altro, perché uno stato può essere veramente democratico solo se i suoi cittadini sono liberi e quindi possono scegliere liberamente i propri governanti; e queste libertà dovrebbero essere meglio garantite da parte dei governanti scelti in tal modo. Tuttavia, il commentatore Fareed Zakaria sottolinea che le elezioni democratiche possono anche portare al potere governanti che sopprimono le libertà. 3 Chiama questo la ‘democrazia illiberale’. 4 Egli osserva anche che la democrazia non è una condizione necessaria per l'esistenza di alti livelli di liberalismo costituzionale. Così, ad esempio, uno stato può avere un sistema giudiziario (una delle principali istituzioni che garantiscono il liberalismo costituzionale) completamente indipendente, pur non avendo l'elettorato alcuna parte nella sua selezione.

In effetti, questo è un esempio di un'ipotesi più generale di Zakaria, ovvero che troppa democrazia potrebbe non essere una cosa buona. In una moderna nazione-stato complessa, l'elettorato non ha grandi possibilità di saperne abbastanza per giudicare l'idoneità di ogni singolo funzionario dello stato, in particolare di quelli in campi molto specialistici, e così può scegliere di delegare questo processo di selezione ai leader che ha eletto. E in ogni caso, votare direttamente su ogni organismo che influenza la condotta politica in uno stato democratico è impossibile, poiché i governi devono prestare attenzione anche alle posizioni dei leader economici e religiosi e, in modo sempre crescente, ad altre organizzazioni non governative create da gruppi di cittadini interessati a specifici argomenti. Il grado d'influenza che questi gruppi di 'interessi speciali' hanno sulla condotta del governo, rappresenta una sfida – se è troppo, si può obiettare che la democrazia è indebolita fino ad essere ridotta ad oligarchia (il governo delle elite); se è troppo poco, che si annullerà la cultura della giusta sfida agli eccessi governativi che caratterizza la maggior parte delle democrazia.

Negli articoli che seguono, riflettiamo su alcuni dei problemi che sorgono quando si considera la democrazia liberale: quali sono gli elementi qualificanti del politico democratico, e come emerge questo ruolo? I cittadini delle democrazie hanno responsabilità speciali nel proteggerle e tutelarle, e, se sì, quali sono queste responsabilità? E qual è il significato profondo di ‘libertà’?

C'è forse una tendenza in occidente a considerare la democrazia come una panacea per le difficoltà che qualunque società si trova ad affrontare nel suo sforzo di modernizzazione. Ma se la democrazia rappresenta una certa fase della coscienza nazionale, che è possibile raggiungere solo dopo aver esplorato altre fasi, allora può darsi che il tentativo di imporre la democrazia in una nazione che non è psicologicamente pronta risulti controproducente. Ci sono numerose democrazie nel mondo che sono chiaramente disfunzionali a vari livelli. Questo non per suggerire che gli individui, i gruppi e le nazioni non debbano aspirare a condizioni di maggior libertà; ma le società, come gli individui, passano attraverso un processo evolutivo di maturazione, e sarebbe ingenuo sostenere che il modello occidentale di democrazia, frutto di secoli di lotte, possa – o debba – essere semplicemente trapiantato in paesi con storie e costumi culturali diversi. In tal senso, una società pienamente democratica deve essere sviluppata da un popolo attraverso l'esperienza. Proprio come nessuno potrebbe sostenere che attualmente tutti gli individui sono fortemente in risonanza con la pura energia d'Amore, così, questa affermazione apparirebbe ugualmente fuorviante nei riguardi delle nazioni. Cosa significa questo per una persona di buona volontà? Significa il difficile, ma necessario, compito di analizzare un po' più a fondo le cose, ogni qualvolta si propone che la soluzione per i mali di un paese sia “più democrazia”. È necessario che l'espansione della libertà sia sostenuta in ogni momento - ma il sentiero di ciascuna nazione verso questo elevato obiettivo è unico, e nessuna nazione può sostenere di aver raggiunto la fine. La democrazia liberale non è una macchina che possa essere messa in moto ogni qualvolta sia necessario, piuttosto una sottile e continua negoziazione tra un popolo e i suoi leader. La riflessione sulle sue più profonde dimensioni psicologiche può aiutarci a renderci più cauti nel raccomandarla in tutte le circostanze.

1. Disponibile presso Lucis Publishing Companies, oppure sul nostro sito web www.lucistrust.org, o richiedendolo all'indirizzo sul retro.

2. Che siano controllabili, il che spiega il crescente disagio del voto elettronico senza alcuna traccia cartacea.

3. Hitler, per esempio.

4. Fareed Zakaria, The Future of Freedom. W W Norton & Co, 2004.

LA BUONA VOLONTÀ è… la via per la libertà