Lucis Trust / Actività di Ser... / Buona Volontà M... / Notiziario dell... / Copie recenti / 2009 #2 - Tempo di transizione  

2009 #2 - Tempo di transizione

Per molti anni la newsletter World Goodwill ha offerto un servizio a vari gruppi, sotto il titolo di “Attività di transizione”. Una transizione comporta il passaggio da uno stato ad un altro: in termini di coscienza, potremmo impiegare varie metafore, per esempio un cambio di marcia, o un rinnovamento del punto di vista. Ma se passiamo da uno stato all'altro, dov'è che siamo stati, e, quel che più rileva in questo momento di crisi mondiale, dov'è che andiamo?

Alice Bailey spiega che la transizione che si verifica ora è tra due diverse età o epoche nella coscienza. Ella etichetta 'di Pisces' l'età che ora sta finendo, che ha condizionato la civiltà umana per circa duemila anni, mentre l'età che arriva è definita 'di Aquarius'. Che si dia o no qualche credito all'astrologia, è impossibile negare i cambiamenti sismici che si stanno verificando nella coscienza umana e in quel complesso sistema di relazioni che va sotto il nome di ‘società’. Nell'era di Pisces c'era una tendenza generale della maggior parte della gente ad accettare l'autorità delle istituzioni, fossero esse religiose, politiche o culturali. Ma ora c'è uno scostamento da questo atteggiamento verso la determinazione di prendere le proprie decisioni sulle questioni essenziali della vita umana. Ciò è collegato alla crescita sia delle informazioni disponibili, sia del potere della mente umana di assorbire ed applicare in modo intelligente tali informazioni – due tendenze strettamente collegate all'aumento dell'istruzione di massa. Naturalmente, questo cambiamento sostanziale non avviene senza problemi, poiché un rifiuto cieco dell'autorità è sbagliato proprio quanto lo è un'accettazione cieca, e può portare a comportamenti dannosi per il tessuto sociale. Può volerci qualche tempo perché si plachino gli effetti disgreganti di questa crescita massiva dell'intelligenza, ma l'effetto finale dovrebbe essere positivo, con una popolazione maggiormente in grado di comprendere i problemi complessi che si pongono all'umanità e di trovare soluzioni creative.

Nello stesso momento in cui sempre più individui dispiegano la propria intelligenza, un ulteriore sviluppo ha luogo tra coloro che sono già esperti nell'uso della mente. Questi stanno scoprendo un crescente impulso a lavorare insieme con altri individui con le stesse idee in gruppi coordinati, per poter realizzare la visione di un mondo migliore. Questa tendenza è dimostrata dalla straordinaria esplosione nel numero di organizzazioni non governative fin dall'inizio del ventesimo secolo. E mentre molti di questi gruppi possono ritrovarsi, di quando in quando, in vari gradi di opposizione allo status quo, una caratteristica essenziale è che essi non si definiscono soltanto attraverso tale opposizione, ma hanno una visione positiva del futuro che stanno cercando di determinare.

I gruppi che presentiamo in questo numero rappresentano una gamma di opinioni, dal livello della presentazione di una visione, attraverso programmi di formazione e istruzione, fino all'attuazione effettiva. Ciascuna fase è necessaria per trasformare un'alta visione di ideali in tecniche pratiche per migliorare la vita quotidiana delle persone. Così si può vedere come il lavoro di gruppi diversi va a integrare e rafforzare gli sforzi reciproci.

Questi gruppi, e i molti altri simili, stanno costruendo un ponte tra i problemi del mondo di oggi e le soluzioni del mondo di domani. A un livello più profondo, si pongono come esempi della coscienza ponte necessaria per produrre una transizione dall'età di Pisces a quella di Aquarius. Tutte le persone di buona volontà possono trovare ispirazione e spazio per la cooperazione con il proprio lavoro a servizio dell'umanità.

At the same time as more and more individuals are unfolding intelligence, a further development is taking place among those who are already practised in the use of the mind. They are discovering an increasing urge to work together with like-minded individuals in coordinated groups, in order to realise a vision of a better world. The extraordinary explosion in the number of non-governmental organisations since the beginning of the twentieth century highlights this trend. And while many of these groups may find themselves, from time to time, in varying degrees of opposition to the status quo, a key feature is that they do not define themselves solely by this opposition, but have a positive vision of the future which they are seeking to bring about.

The groups included in this issue represent a spectrum of approaches, from the level of presenting a vision, through training and education programmes, down to actual implementation. Each phase is necessary to carry a high vision of ideals down into practical techniques for improving people’s everyday lives. Thus the work of different groups can be seen to complement and reinforce each others’ efforts.

These groups, and the many others like them, are building a bridge from the problems of today’s world to the solutions of tomorrow’s world. At a deeper level, they stand as examples of the bridging consciousness needed to produce a safe transition from the Piscean to the Aquarian Age. All people of goodwill can find inspiration and scope for cooperation with their work in service to humanity.