Lucis Trust / La Scuola Arcana / The Electric Br... / General Articles / Clima Elettrico  

Clima Elettrico

Come già detto nella newsletter World Goodwill “Che cos’è la Vita?”, la filosofia esoterica considera la Vita “un costante flusso di energia elettrica, mentre le forme sono le espressioni temporanee attraverso le quali la vita si manifesta a livello fisico denso”. L’insieme della manifestazione è quindi vivo – l’atomo stesso ha una coscienza rudimentale. Tenendo questo a mente possiamo considerare nuovamente una delle grandi preoccupazioni del nostro tempo – i cambiamenti del clima globale e dei modelli di condizioni atmosferiche – guardandoli dall’angolatura della vita intelligente ed elettrica.

Gli scienziati discutono ancora della causa delle migliaia di scariche elettriche che si verificano in tutto il pianeta in ogni momento, in temporali e fulmini. In genere si pensa che siano dovuti alle perturbazioni atmosferiche e forse all’impatto di particelle cariche provenienti dal sole (vento solare). Un altro enigma è costituito dalla recente scoperta di scariche elettriche che si verificano in alto, al di sopra dei temporali, chiamate Eventi Luminosi Transienti (TLE). Durante queste sfolgoranti manifestazioni si hanno colossali torri di luce rossa o azzurra, chiamate Sprites, anelli luminosi che si allargano velocemente chiamati Elves, e lingue di luce chiara che spuntano verso l’alto dalle nuvole, chiamate Gnomes. Questi fenomeni sono difficili da spiegare meccanicamente, ovvero come risultato della separazione delle cariche azionata dal vento che si verifica nelle nuvole molto più in basso. Ma in contrasto con queste teorie ortodosse della scienza atmosferica, i ricercatori più avanzati in cosmologia del plasma considerano la terra come parte di un circuito elettrico nel quale il sole e i pianeti agiscono come poli elettrici opposti.

In questo modello i temporali sono l’esatto opposto di quello che si pensa normalmente siano. Piuttosto che generatori elettrici, sono dissipatori di energia in un circuito interplanetario – poiché il fulmine altro non che la scintilla di una corrente celeste che si connette alla Terra. I multicolori sprites, elves e gnomes sono la forma che i fulmini prendono molto in alto nell’atmosfera, dove la pressione è bassa. Fenomeni simili sono riprodotti di routine nei laboratori quando una lunga scintilla di scarica – l’analogo di un colpo di fulmine – viene introdotto in un tubo vuoto dal quale è stata estratta la maggior parte dell’aria; si verificano bagliori e filamenti multicolori, strutture che corrispondono agli sprites.1

Gli insegnamenti della Saggezza Eterna riguardano l’intero universo che ha natura elettrica, poiché l’elettricità che ci è familiare sul piano fisico è la discendente di una grande vita cosmica che lavora su livelli più alti e più sottili dei cosmo e che, mediante l’assistenza di schiere di creatori intelligenti, ha portato in essere l’universo esterno. In questo scenario, per quel che riguarda la terra, tutti i fenomeni del moto planetario orbitale, il raffreddamento e riscaldamento dell’aria, le nuvole, la pioggia, le tempeste e i venti sono dovuti alle forze elettromagnetiche interne della natura che incessantemente generano correnti elettriche che ristabiliscono l’equilibrio disturbato.2

Questa tendenza verso l’equilibrio dinamico è qualcosa di misterioso per la scienza, come commenta il fisico Paul Davies: “La maggior parte delle simulazioni al computer dell’atmosfera della terra predice qualche genere di disastro incontrollabile, come la glaciazione globale, il ribollire degli oceani o l’incenerimento completo a causa di una sovrabbondanza di ossigeno che dà fuoco al mondo… Invece, in qualche modo, l’effetto integrativo di molti processi complessi che si intrecciano ha mantenuto la stabilità atmosferica nonostante i cambiamenti su larga scala e perfino durante i periodi di sconvolgimento cataclismatico”.3

Il costante ristabilirsi dell’equilibrio è noto come omeostasi, una proprietà comune di tutti gli organismi viventi con cui essi regolano il proprio ambiente interno per mantenere stabile la propria condizione; e la terra stessa è un organismo vivente e i modelli meteorologici e il clima globale sono guidati da intelligenze celesti in accordo con il karma planetario e umano. Naturalmente questo è lontano mille miglia dalla ricerca di spiegazioni meccaniche degli scienziati dell’atmosfera, e le cause fondamentali del clima e del tempo atmosferico devono essere ricercate molto oltre il mondo degli effetti esterni, nel regno soggettivo della coscienza.

La scienza convenzionale deve ancora scoprire che l’elettricità è la forza fondamentale dell’universo, ma quando ciò avverrà la scoperta minerà alle fondamenta l’attuale modello gravitazionale e l’idea di un universo ordinato in modo intelligente fremente di vita potrà divenire allora una seria considerazione scientifica. Il cosmo è un immenso campo elettromagnetico – per quanto complesso e intricato – e tutte le vite entro di esso si comportano come particelle cariche che continuamente interagiscono e si scambiano le une con le altre le proprie qualità specifiche. Come sottolineano i cosmologi del plasma David Talbott e Wallace Thornhill: “Dalla particella più piccola fino alla più grande formazione galattica, una rete di circuiti elettrici collega e unifica tutto in natura, organizzando le galassie, dando energia alle stelle, facendo nascere i pianeti e, nel nostro mondo, controllando il tempo meteorologico e animando gli organismi biologici. In un universo elettrico non ci sono isole separate”.4

Questa nuova cosmologia fornirà chiaramente una base per una rinnovata indagine scientifica su temi come astrologia, telepatia e fenomeni psichici in generale. Inoltre fa anche luce sul perché gli insegnamenti spirituali enfatizzano la responsabilità che tutti abbiamo dei nostri pensieri e del clima oggettivo in cui ci troviamo. In un universo interconnesso la radiazione del nostro stato di coscienza ha influenza su tutte le altre vite e gli altri regni e aumenta o diminuisce la qualità del nostro ambiente. Gli insegnamenti della Saggezza Eterna dicono che perfino le emozioni umane accumulate hanno un impatto sul tempo atmosferico e che noi facciamo in realtà il nostro clima in un senso significativo.5

Questo è un pensiero affascinante alla luce dell’attuale attenzione al cambiamento climatico e della crisi mondiale che ne è scaturita. Mentre il riscaldamento globale per colpa delle emissioni di carbonio potrebbe certo essere una concausa, da un punto di vista esoterico ci sono molti altri fattori in campo. Per esaminarne solo uno, potrebbe darsi che la nostra inquieta natura di desiderio e il nostro pensiero egoistico stiano contribuendo a rendere instabile il clima sul pianeta. Anche a livello fisico recenti indagini scientifiche indicano che può essere così. Un esempio è la scoperta della magnetite biogenica nel tessuto cerebrale umano, per mezzo della quale il sistema nervoso centrale umano può interagire con i campi magnetici ambientali. La ricerca attuale sta cercando di capire se esiste del materiale magnetico specificamente nella ghiandola pineale, come accade negli uccelli e in altri animali; per mezzo di essa questi possono interagire con il campo magnetico della terra per la navigazione.

La ghiandola pineale si trova al centro del cervello in una piccola cavità o cassa di risonanza. Questa potrebbe corrispondere ad una cassa di risonanza che esiste tra la superficie del nostro pianeta e la sua ionosfera – un guscio sferico che viene eccitato dai colpi di fulmine delle circa duemila tempeste di fulmini che si verificano intorno al globo in ogni singolo momento. Si è scoperto che le risonanze elettromagnetiche prodotte qui sono di una frequenza simile agli stati alpha e theta del cervello umano e che esistono anche altre risonanze tra vari strati della ionosfera elettromagnetica della terra e del cervello.6 Gli insegnamenti della Saggezza Eterna estendono questa interazione anche all’aura spirituale della terra, insegnando che mediante la meditazione si possono generare risonanze nella cavità cerebrale in simpatia con le frequenze degli interiori regni soggettivi del pianeta, e che le loro influenze possono essere distribuite a servizio di tutti gli esseri viventi.

La ionosfera è solo una parte del vasto mezzo magnetico prodotto dalla vita elettrica intelligente, e l’indizio di ciò è stato qui con noi da sempre, nel termine scientifico che usiamo per descrivere il tempo atmosferico e il clima – meteorologia. La Saggezza Eterna ci insegna che un velo di polvere magnetica meteorica circonda la terra ed è la periodica espansione e contrazione di questo velo meteorico che influenza il cambiamento climatico. Meno polvere meteorica corrisponde ad un raffreddamento dell’atmosfera e ad ere glaciali, ma un aumento della polvere meteorica corrisponde al riscaldamento dell’atmosfera e ad ere calde come il periodo carbonifero. Le testimonianze geologiche indicano che il cambiamento climatico è avvenuto ripetute volte. Alcune spedizioni scientifiche hanno praticato carotaggi nei ghiacciai ed esaminato le piccolissime bolle d’aria intrappolate lì per migliaia di anni ed hanno messo in relazione le alte temperature della terra con l’aumento dei quantitativi di ossido di carbonio nell’atmosfera terrestre. Il biossido di carbonio e l’acido carbonico sono gli indicatori chiave dei periodi di riscaldamento globale e, in maniera significativa, sono anche componenti importanti della polvere meteorica. La scienza riconosce il fatto che “particelle di polvere lasciate dai meteoriti cadenti possono restare nell’atmosfera anche molti mesi; e che le particelle possono influenzare il clima, disperdendo le radiazione elettromagnetiche e catalizzando le reazioni chimiche nell’atmosfera superiore. Nonostante ciò l’importanza dell’influenza meteorica sul clima non è ancora riconosciuta.

Quando sarà riconosciuto che la polvere meteorica è una parte integrante del velo elettromagnetico che circonda la terra, e che la coscienza umana può in qualche maniera influenzare in modo sottile questo velo, diverrà chiara anche la responsabilità collettiva che noi abbiamo verso i regni inferiori della natura attraverso il giusto uso e l’indirizzamento del pensiero. Mediante l’utilizzo scientifico della meditazione secondo la legge “l’energia segue il pensiero”, l’umanità entrerà nel suo diritto di nascita come amministratore del pianeta e il proposito totalizzante della vita umana sarà dedicato a compiere l’ingiunzione divina contenuta nella Grande Invocazione: “Dal centro che viene detto il genere umano si svolga il Piano di Amore e di Luce”. Il fatto che l’umanità sia un “centro” elettromagnetico nel veicolo dell’espressione divina ed abbia una responsabilità destinata a far attuare questo Piano di amore e luce in tutti i regni della natura indica una visione realmente solenne del futuro. Il potere del pensiero di gruppo applicato un giorno indirizzerà deliberatamente specifiche influenze verso i regni inferiori della natura per innalzarli e riscattarli.

Questi pensieri possono sembrare rivoluzionari, ma l’idea che tutta la sostanza sia viva e fatta di sottili vite elementali è presente tra noi fin dall’alba della civiltà umana nella grande idea religiosa della redenzione planetaria. Questa è destinata di nuovo a venire in primo piano nel pensiero umano ad una svolta più alta della spirale, quando l’umanità prenderà il mantello della responsabilità della terra e si assumerà la responsabilità dell’evoluzione planetaria. L’applicazione dell’energia della buona volontà applicata a tutti i regni della natura, come introdotta nella precedente newsletter, “Le giuste relazioni con tutti gli esseri”, evidenzia l’incerto inizio di questo processo. È fondamentale che tutti coloro che si stanno risvegliando a questa lusingante visione della parte che l’umanità ha nel Piano Divino si uniscano per servire questa causa – i gruppi di Meditazione della Buona Volontà,7 la rete dei Triangoli,8 e il ciclo di Conferenze 9 sono splendidi esempi per farlo. Il mondo sta passando un difficile periodo di crisi e decisione, e la speranza sta di fronte a noi in un nuovo vigoroso allineamento con il Piano Divino. A questo snodo critico della storia umana, possano nuova luce e nuovo significato nuovi essere gettati sulla stupefacente espressione di San Paolo: “fino ad ora l’intera creazione geme e si sforza insieme nel dolore, in attesa della manifestazione dei Figli di Dio”.

1. The Electric Universe, p. 49, W. Thornhill e D. Talbott.

2. The Mahatma Letters to A.P. Sinnett, p. 160.

3. The Cosmic Blueprint, p. 132. Paul Davies.

4. Thunderbolts of the Gods www.thunderbolts.info

5. A Treatise on White Magic, p 226. Alice Bailey. Disponibile sul nostro sito web www.lucistrust.org o scrivendo all’indirizzo sul retro.

6. http://en.wikipedia.org/wiki/Schumann_resonances. Si ritiene che le onde theta siano comprese all’incirca tra i 6 e i 10 Hz, le onde alpha tra 8 e 12 Hz. La frequenza di risonanza della terra stessa è stata misurata in 8 Hz, in accordo con le stime fatte per la prima volta dall’inventore e ingegnere elettrico Nikola Tesla.

7. Vedere http://www.lucistrust.org/it/service_activities/world_goodwill__1/more/goodwill_meditation_group

8. Vedere www.triangles.org

9. Vedere l’articolo che segue.
Chi volesse indagare più in profondità gli aspetti dell’Universo Elettrico può visitare il nostro sito web all’indirizzo: www.lucistrust.org/en/arcane_school/the_electric_bridge