Lucis Trust / Actività di Ser... / Buona Volontà M... / Notiziario dell... / Copie recenti / 2008 #4 - Qualche Riflessione sulla Crisi Finanziaria  

2008 #4 - Qualche Riflessione sulla Crisi Finanziaria

L'ampiezza e gravità dell'attuale crisi finanziaria sono tali che tutti ne saremo toccati. Tutte le persone di buona volontà cercheranno modi per alleviare i problemi che ne conseguono. Le riflessioni seguenti sono da considerarsi modi per approcciare l'argomento.

Fiducia

Molta parte dell'attuale turbolenza dei mercati mondiali è stata attribuita ad un crollo della fiducia tra le istituzioni finanziarie e ad una perdita di fiducia nel valore degli strumenti finanziari. Così, vale la pena di riflettere sul significato di questo termine.

Rischio

Il rischio è una parte inevitabile della vita, e coloro che si occupano di finanza lo sanno molto bene. Quindi si preoccupano di quantificare il rischio, per quanto possibile, e di ridurlo dove possono.

Avidità

Indubbiamente l'avidità non era presente soltanto nei mercati finanziari, ma anche nel comportamento dei mutuatari – in altre parole, della gente comune – sebbene si possa dubitare che molti mutuatari comprendessero appieno i rischi implicati dal proprio comportamento. La difficoltà è che quando fare soldi appare facile, c'è sempre la tentazione di farlo, di fare solo un altro lancio di quei dadi che sembrano pendere in nostro favore. Così gli operatori bancari hanno fatto solo quell'ultima transazione e i cittadini hanno preso in prestito solo quel pochino extra per la loro casa dei sogni – solo per scoprire, quando è arrivata la crisi, che erano sovraccarichi e vulnerabili.

Il Vero Ruolo del Denaro

Quando si arriva al sodo, il modo in cui sono comparse e poi sparite di nuovo le enormi somme di denaro, nel corso della bolla che ora è scoppiata, solleva la questione di quale sia il ruolo del denaro e della finanza nell'ambito della società.