Bolletino 2015 #2 - MANIFESTANDO LA VISIONE DI UNA UMANITÀ

 MANIFESTANDO LA VISIONE DI UNA UMANITÀ

Se guardiamo la scena del mondo di oggi, sta diventando sempre più evidente la necessità di grandi cambiamenti. I rapporti tra i cittadini e lo Stato; fedeli e sacerdozio; tra i lavoratori e la gestione: tutti hanno urgente bisogno di una nuova visione. Per rimanere rilevanti, le istituzioni di ogni tipo hanno bisogno di trarre nuova inspirazione dagli ideali che per primi gli hanno portati in essere. Hanno bisogno di imparare a trasfigurare la vita in termini di realizzazione.

Servitori del mondo sono quelli che sono attivamente coinvolti in questo processo di re-immaginare modi di vivere. Lo fanno attraverso il loro impegno di profonda riflessione sui problemi dell'umanità. Questa riflessione li mette in contatto con il mondo delle idee astratte- principi di vita senza tempo di vivente energia del pensiero, come la libertà e l'uguaglianza, che possono essere modellati in forme nuove per soddisfare le sfide dei tempi.

Escogitare i modi in cui le relazioni umane e le strutture sociali possano essere in grado di incarnare principi universali è stata una caratteristica dell'età moderna. Ciò è più evidente nei maggiori Rapporti Internazionali e Dichiarazioni degli ultimi decenni. I Rapporti sono analisi ponderate di ciò che non sta attualmente lavorando bene, insieme con i rimedi suggeriti; mentre le Dichiarazioni sono mobilitazioni per agire. Mentre i Rapporti possono informare l'azione, le Dichiarazioni sono destinate ad ispirare l'azione; o, in altre parole, le dichiarazioni riguardano l' orientamento verso una meta / fine, i Rapporti offronole tecniche più dettagliate per la costruzione del percorso verso questo obiettivo. Entrambi sono necessari.

L'ONU è ovviamente stato all'avanguardia in questo settore - ad esempio, la Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo; il nostro futuro comune; le maggiori Conferenze del 1900, gli obiettivi di sviluppo del Millennio; ecc .. Altri gruppi hanno adottato questo modello :the Brandt Commission’s North-South and Common Crisis; the Earth Charter; Our Global Neighbourhood; The Club of Rome’s Limits to Growth etc..

Due esempi recenti significativi di dichiarazioni sono Share the World’s Resources Global Call for Sharing (www.sharing.org/global-call); and the Fuji Declaration, (http://fujideclaration.org) avviata dai fondatori del Club di Budapest, il Dr. Ervin Laszlo, e la Fondazione Pace Goi, Masami Saionji e Hiroo Saoinji. L'Appello globale per la condivisione viene inoltre fornito con un rapporto associato Sharing as Our Common Cause,(www.sharing.org/common-cause), che esplora il razionale per la dichiarazione, e da esempi di come l'Ideale di condivisione stia attualmente lavorando in molti campi diversi (vedere Revisione interna).

Negli articoli che seguono, guardiamo prima alcune delle dichiarazioni più significative e rapporti rilasciati nel corso degli ultimi decenni, e poi al maggior contributo delle Nazioni Unite attraverso la promozione degli obiettivi di sviluppo del Millennio, e la sua attuale attenzione sullo sviluppo di una nuova agenda per il Sustainable Development Goals. Attraverso questo lavoro per ispirare il mondo della coscienza, delle idee e degli ideali, le Nazioni Unite e il Gruppo dei Servitori del mondo, stanno contribuendo ovunque a ricostruire il santuario della vita umana. Questo tema sarà esplorato in diversi modi differenti nel nostro seminario annuale a Londra, New York e Ginevra il 14 novembre, al quale siete invitati.

 

UNA COSCIENZA DI TOTALITÀ

Il periodo di 70 anni dalla fondazione delle Nazioni Unite nel 1945,quando l'Era Interdipendente si potrebbe dire sia iniziata, ha visto il graduale emergere di una coscienza di totalità. Come specie abbiamo sviluppato un senso intuitivo di ciò che è giusto e sbagliato nei rapporti tra i popoli e le nazioni, insieme all' esperienza nel coordinamento e all'azione progettuale che riflette e risponde a quella coscienza. Quando siamo impazienti circa l'apparente mancanza di progressi(ed è un bene l'essere impazienti) abbiamo bisogno di ricordare a noi stessi che antiche abitudini informate dalla separatezza hanno condizionato chi siamo per secoli. Come Kofi Annan ha osservato, lo spirito di comunità internazionale è ancora 'poco più di embrionale'. Il suo sviluppo non può essere affrettato. Ci vuole tempo per una coscienza globale per mettere radici - generazioni di attività intenzionale persistente e profonda riflessione da parte di persone di buona volontà in tutti i ceti sociali e di tutte le professioni.

Eppure il senso ancora embrionale, che siamo tutti parte di una comunità globale sta cambiando il mondo. I 70 anni dal 1945 possono essere visti come un momento in cui le persone di buona volontà siano stati sempre più crescentemente e ripetutamente ispirati per trasformare il santuario della vita umana in modo che rispecchi la loro consapevolezza di totalità. Una delle aree chiave in cui siamo in grado di tracciare la storia di questo processo è nei trattati, rapporti, dichiarazioni e carte di grandi commissioni globali, conferenze, e trattative. E 'qui che si vede la visione entrare in forma a livello globale, principi di integrità che guadagnano in chiarezza e definizione, trovando espressione nei quadri giuridici. Queste non sono voci marginali- riflettono l'umanità nel suo insieme (governi e persone) reperiscono consenso in quanto aiutano a plasmare il futuro intorno a principi di libertà umana e di unità umana (diritti e doveri).

Nel 1945 ci fu poca consapevolezza del rapporto dell'umanità con il mondo naturale degli animali e delle piante, acqua e suolo, e l'aria che respiriamo. Nei decenni successivi questo è cambiato - tanto che una delle dinamiche di base nella creazione di una agenda che risponda alla visione della totalità è stata la questione di come affrontare tutte le dimensioni della soddisfazione dei bisogni umani, mentre allo stesso tempo ci si prende cura della terra.

In ogni campo della vita umana ci sono stati dichiarazioni e rapporti fungenti da spartiacque che sono stati il prodotto di un dialogo tra le persone di buona volontà di differenti culture , gruppi economici e politici. Alcuni dei più influenti documenti che sono emersi da questi attenti dialoghi includono:

La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948

La Carta delle Nazioni Unite richiama le Quattro Libertà dichiarate congiuntamente dagli alleati nella seconda guerra mondiale.Essa afferma come è noto che ogni singolo essere umano ha una dignità naturale e dei diritti e delle libertà fondamentali. Eleanor Roosevelt ha presieduto un comitato di redazione con il compito di definire tali diritti.Rappresentanti di differenti parti del mondo e di differenti convinzioni politiche si sono sforzati di trovare un consenso. Il 10 dicembre 1948, la Dichiarazione universale preparata dal Comitato fù adottata da 48 membri dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite tra cui le potenze occidentali affermate come il Regno Unito, gli Stati Uniti, Paesi Bassi e Francia, insieme a Paesi di nuova indipendenza come l'India e le Filippine, e una varietà di paesi, tra cui Afghanistan, Iran, Costa Rica e Argentina. Anche nel 1948 questa era veramente una affermazione universale dell'individuo. Gli articoli 1 e 2 della dichiarazione affermano principi universali di dignità, libertà, uguaglianza e fratellanza. Questi costituiscono il fondamento della dichiarazione. Sette punti nel preambolo espongono i motivi della Dichiarazione, cominciando con il riconoscimento primario che la dignità intrinseca e i diritti uguali e inalienabili di ogni singolo membro della famiglia umana sono il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo . La maggior parte degli articoli specificano diritti individuali, culturali, sociali e spirituali.

Questo onorare l'individuo - il diritto e l'etica - è fondamentale per la visione della totalità. Il santuario della vita umana dipende dai singoli esseri umani,esseri con anima e personalità.La dichiarazione sfida ogni comunità a proteggere, potenziare e abilitare i suoi singoli membri. Come Eleanor Roosevelt ha rimarcato nel 10 ° anniversario della Dichiarazione: Dove cominciano i diritti umani universali? Nei piccoli luoghi, vicino a casa, così vicini e così piccoli che non possono essere visti su nessuna mappa del mondo. Eppure sono il mondo della singola persona; il quartiere in cui vive; la scuola o l'università che frequenta; la fabbrica, fattoria o l'ufficio dove lavora. Tali sono i luoghi in cui ogni uomo, donna e bambino cerca eguale giustizia, pari opportunità, pari dignità senza discriminazioni. Ameno che questi diritti non abbiano senso lì , avrannopoco significato ogni dove. Senza l'azione concertata dei cittadiniper sostenerlivicino a casa loro, guarderemo invano iprogressi in tutto il mondo più vasto.

Se qualcuno dubita della rilevanza della Dichiarazione nel plasmare il mondo moderno dovrebbe ricordarsi che è stata incorporata e ha influenzato le costituzioni di svariate nazioni dal 1948, ed è il fondamento e l'ispirazione per un numero crescente di leggi nazionali e trattati internazionali.

Commissione Brandt 1977 - 1983

Nel 1977 il Presidente della Banca Mondiale, Robert McNa-mara, nel tentativo di rompere l'impasse nella diplomazia della guerra fredda e la mancanza di progressi nei rapporti Nord-Sud, ha proposto l'istituzione di una commissione di politici ed economisti di fama internazionale che si sarebbero consultati insieme come individui per venire ad una serie di proposte per lo sviluppo globale . L'ex cancelliere tedesco Willy Brandt ha presieduto la Commissione indipendente sui problemi dello sviluppo Internazionali. Comprendeva ex Capi di Stato e importanti diplomatici di paesi del Nord e del Sud. L'obiettivo era quello di cambiare il modo di pensare nelle trattative di governo tra il Nord e il Sud, stimolando l'opinione pubblica a sostegno dello sviluppo globale (educare e informare le reti di buona volontà in tutto il mondo) e portare proposte concrete su questioni di cibo e agricoltura per lo sviluppo, aiuti, energia, commercio, la riforma monetaria e finanziaria internazionale, l'ambiente, la crescita della popolazione e i negoziati globali. I due rapporti della Commission, Nord-Sud (1980) e di Crisi comune (1983) hanno offerto offerto un chiaro pensiero attraverso le possibilità per il futuro con una visione di sviluppo che ha sottolineato una relazione duale: le nazioni nordiche dipendenti dai paesi poveri per la loro ricchezza, e le povere dipendenti dal nord per il loro sviluppo.  

Commissione Brundtland / Commissione mondiale per l'Ambiente e lo Sviluppo 1983 - 1987

L'ex primo ministro norvegese Gro Harlem Brundtland è stato invitato dal Segretario Generale delle Nazioni Unite in modo da formare una commissione indipendente di leader mondiali e di esperti per sviluppare proposte che potrebbero unire i governi in iniziative volte a ridurre la povertà e allo stesso tempo a rispondere alla crescente crisi ambientale. Nel 1987 la Commissione ha pubblicato il suo rapporto influente: Il Nostro Futuro Comune, che, per la prima volta, ha introdotto il termine sviluppo sostenibile. Lo Sviluppo considerato in termini di soddisfare i bisogni delle persone più povere del mondo, non può essere separato dal benessere dell'ambiente: ... '"l'ambiente" è dove si vive; e " lo sviluppo" è quello che tutti noi facciamo nel tentativo di migliorare la nostra sorte in quella dimora. I due sono inseparabili.

Convenzione sui diritti dell'infanzia del 1989

Dal 1920 con il lavoro pionieristico del fondatore di Save the Children, Eglantyne Jebb vi è stata un'attenzione maggiore sulla necessità di fornire speciale protezione per i diritti del bambino. Nel 1924 la Lega delle Nazioni ha approvato la World Child Welfare Charter ,carta che definisce cinque diritti e nel 1959 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una Dichiarazione dei Diritti del Bambino con dieci principi. Questa attenzione sui diritti dei minori è culminata nel 1989 con l'adozione della Convenzione dei diritti del bambino da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. La convenzione prevede diritti civili, politici, economici, sociali, sulla salute ,diritti culturali di tutti i bambini al di sotto dei 18 anni ed è un'importante pietra miliare perché le nazioni che ratificano la Convenzione sono obbligate dalla legge internazionale a riferire sui progressi che stanno facendo per la sua attuazione. Ad oggi tutti i membri delle Nazioni Unite hanno firmato la convenzione con l'eccezione degli Stati Uniti e la Somalia.

1990 Rapporto sullo Sviluppo Umano - presente

Lanciato nel 1990, l'annuale Rapporto sullo Sviluppo Umano pubblicato dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) è stato enormemente influente nel fornire statistiche affidabili e analisi per misurare lo sviluppo in termini di esseri umani che rispondono alle esigenze fondamentali (sanità, abitazione, sicurezza , istruzione) piuttosto che la crescita economica. I rapporti sono prodotti da un team indipendente di importanti studiosi ed esperti provenienti da diverse regioni, inizialmente guidati dal pakistano Mahbub ul Haq e l'indiano premio Nobel Amartya Sen.Nel primo rapporto , Haq ha osservato: "Le persone sono la vera ricchezza di una nazione. L'obiettivo fondamentale dello sviluppo è quello di creare un ambiente favorevole per le persone di godere di una vita lunga, sana e creativa. Questo può sembrare una semplice verità. Ma è spesso dimenticata nel riguardo dell' immediato con l'accumulo di comodità e ricchezza finanziaria "I principali strumenti per il confronto dello sviluppo in varie regioni hanno avuto inizio dai rapporti annuali -includendo la Disuguaglianza -l'Adjusted Human Development Index, il Gender Index e lo Human Development Index..

Rio Dichiarazione e Agenda 21 1992

1992Nel giugno 1992 i governi si sono riuniti a Rio de Janeiro in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo, il Vertice sulla Terra - in precedenza, nel 1972, si erano incontrati a Stoccolma in una conferenza sull'ambiente umano. Nel 1992, a seguito della relazione della Commissione Brundtland, c'era una chiara comprensione che lo sviluppo umano e l'eliminazione della povertà ora dovevano essere raggiunti senza danneggiare ulteriormente l'ambiente. L'evento di Rio è stata la prima grande conferenza internazionale che è stata accompagnata da un grande raduno di migliaia di attivisti ambientali e di sviluppo, movimenti popolari,uomini di affari e altri. I governi hanno adottato la Dichiarazione di Rio sull'ambiente e lo sviluppo, che ha proclamato 27 principi, tra cui l'importante principio 4: Al fine di raggiungere uno sviluppo sostenibile, la tutela dell'ambiente costituirà parte integrante del processo di sviluppo e non può essere considerata separatamente da questo. L'accordo più importante in occasione del Vertice 1992 è stato l'elenco delle azioni raccomandate a livello locale, nazionale e globale per il 21 ° secolo: Agenda 21. Quaranta capitoli specificano le azioni da intraprendere per lo sviluppo sostenibile. Il documento, che è stato modificato in successivi incontri delle Nazioni Unite per l'ambiente, è stato estremamente influente, guidando innumerevoli comuni e organizzazioni di tutto il mondo, su come si sviluppano le politiche ambientali. Un segno del suo impatto è che il Vertice sulla Terra è stato ricostituito ogni dieci anni, dal 1992 - 2002 in Johannesburg, e nel 2012 di nuovo a Rio quando furono gettate le basi per lo sviluppo obiettivi sostenibili.

Commissione sul Governo Globale 1992 - 1995

La fine della guerra fredda ha creato un nuovo ambiente per la cooperazione globale e nuove opportunità per far avanzare in modo soddisfacente i principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite. Ventotto individui sotto la guida dell'ex primo ministro svedese, Ingvar Carlsson, e il primo segretario generale del Commonwealth Shridath Ramphal della Guyana hanno istituito la Commissione su iniziativa di Willy Brandt e membri di altri gruppi globali. Il rapporto della Commissione, Il Nostro Vicinato Globale, è stato presentato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite per la revisione nel 1995.Ha presentato una chiamata all'azione per i leader dei governi e della società civile a lavorare insieme sotto un'etica mondiale comune e di valori universali condivisi. Raccomandazioni politiche incluse la riforma delle Nazioni Unite e dei programmi per la gestione dell' interdipendenza economica.

Carta della Terra 2000

La Carta della Terra è una dichiarazione di valori e principi per la costruzione di una giusta, globale ,sostenibile e pacifica società. E' degna di nota perché è stata il risultato di consultazioni esaurienti e dialoghi nel corso di un periodo di sei anni tra i rappresentanti delle organizzazioni della società civile provenienti da ogni parte del mondo e da tutti i settori della società. Il processo di negoziazione è stato supervisionato da una commissione formata da Maurice Strong (Presidente del Summit della Terra delle Nazioni Unite di Rio nel 1992) e Mikhail Gorbachev. La Carta afferma la necessità di un cambiamento di mente e di cuore che richiedono un nuovo senso di responsabilità. Riconosce inoltre che la pace è la completezza creata da relazioni con se stessi, altre persone, altre culture, altre forme di vita, la Terra ,l'insieme più grande di cui tutti siamo parte. La Carta della Terra ha l'avallo dei gruppi che rappresentano milioni di persone, tra cui oltre 250 università di tutto il mondo, l'UNESCO, gruppi religiosi, numerose città e autorità metropolitane.

Carta della Compassione 2009

L'Autrice Karen Armstrong è stato insignita del premio annuale di TED nel febbraio 2008. I vincitori del Premio sono invitati ad esprimere un desiderio per cambiare il mondo' - e la comunità di TED offre il supporto per il raggiungimento di tale desiderio. Armstrong desiderò aiuto "nellacreazione, il lancio e la propaganda di una Carta della Compassione, realizzata da un gruppo di pensatori ispirati ... e sulla base dei principi universali di giustizia e di rispetto." Il Sostegno crebbe rapidamente e migliaia di persone da tutto il mondo offrirono idee sper la Carta. Un anno dopo il premio TED un gruppo multi nazionale di pensatori religiosi e leader si sono incontrati in Svizzera per rivedere tutti le presentazioni e redigere la Carta finale. Oltre 75 eventi hanno avuto luogo contemporaneamente il 12 novembre 2009, quando è stata formalmente lanciata la Carta. La Carta invita tutti gli uomini e le donne a ripristinare la compassione verso il centro della morale e della religione ... per favorire un apprezzamento positivo della diversità culturale e religiosa .... Afferma che: Abbiamo urgente bisogno di fare della compassione una forza chiara, luminosa e dinamica nel nostro mondo polarizzato. Radicata in una principale determinazione a trascendere l'egoismo, la compassione può abbattere i confini politici, dogmatici, ideologici e religiosi .... Dal 2009 centinaia di organizzazioni, numerose città, il parlamento australiano e decine di migliaia di persone hanno sottoscritto la Carta; quasi 300 comunità e città sono in processo della creazione di un piano d'azione compassionevole.

Queste sono solo alcune delle commissioni e dei rapporti che sono stati influenti nello sviluppo di una coscienza globale mobilitando le forze di buona volontà nel lavoro di ricostruzione del santuario della vita umana. Molte iniziative come il Club di Roma, il Club di Budapest, la Commissione indipendente per le questioni umanitarie Internazionali, e l'annuale dichiarazione Fuji non è stata inclusa a causa della mancanza di spazio.

 

RECENSIONE: La Condivisione come la Mostra Causa Comune (download at www.sharing.org/common-cause)

In QUESTO RAPPORTO, Condividi le Risorse del Mondo (un'organizzazione della società civile per una condivisione più equa della ricchezza, il potere e le risorse all'interno e tra le nazioni) cerca di dimostrare come una chiamata per il principio fondamentale della condivisione è fondamentale per un crescente movimento mondiale di cittadini globali. La relazione rileva il crescente dibattito degli estremi di disuguaglianza, e la crescita del movimento 'comune', che fa da cornice a molti dei nostri problemi più pressanti in termini della nostra necessità di proteggere in modo cooperativo le risorse condivise della Terra. Essa sostiene che un invito a condividere "ha il potenziale per collegare gruppi disparati, attivisti e movimenti sociali nell'ambito di un tema e di una visione comune". Il rapporto rileva inoltre la sua capacità di coinvolgere l'opinione pubblica.

In cinque sezioni, Condivisione come Nostra Causa Comune delinea come la condivisione è al centro delle tematiche fondamentali della giustizia sociale, la tutela dell'ambiente, la pace globale, la democrazia partecipativa, e dei movimenti per molteplici cause . In ogni sezione, i temi sono ulteriormente suddivisi in specifici argomenti , e il collegamento con la condivisione è esplorato in modo più dettagliato, indicando le organizzazioni attive nell'ambito delle aree tematiche, e le pubblicazioni pertinenti.

In conclusione, il rapporto specifica i seguenti punti di interesser:

1. Un invito per la condivisione rappresenta l'unità nella diversità.
2. La Condivisione incarna una proposta positiva al di làdi "ismi" e della politica tra fazioni.
3. Tutti noi comprendiamo il valore umano della condivisione<
4. La domanda di condivisione è già in aumento.
5. Un appello globale per la condivisione ha radicaliimplicazioni.

Le sue raccomandazioni finali sono:

1.Integrare il messaggio di condivisione in attività disostegno e candidatura.
2. Mobilitazione su piattaforme collettive per la condivisione.
3. Iscriversi e promuovere l'appello globale di Condividi le Risorse del Mondo per la condivisione (www.sharing.org/global-call)

Il rapporto, scritto in modo chiaro, conciso, non tecnico, è una ragione convincente per l'importanza fondamentale del principio di condivisione, e merita un vasto pubblico.

 

LA SOSTENIBILITÀ NEL NUOVO MILENIO

Come impariamo dal passato, piuttosto che restare su di esso; o vivere nel vero momento presente mentre ci si concentra sul futuro? Riconoscere il dispiegarsi dei percorsi futuri divergenti non è semplice. Vi è la strada concreta davanti a noi a meno che non continuiamo a fare quello che abbiamo sempre fatto e non cambiamo; o il meno calpestato percorso di azione per un cambiamento positivo; o ancora il sentiero invaso di sognante pio desiderio. Anche se tagliamo attraverso la foschia di richieste conflittuali personali e globali, interessi e agende del giorno, ci vuole grande abilità per vedere la reale necessità, e poi per impostare un'intenzione, rispondere alla chiamata dell'azione, pur rimanendo aperti al cambiamento. Come dice il proverbio "quando i fatti cambiano, io cambio idea". Questa è la sfida per l'umanità: cambiare la nostra mente, l'azione e la direzione alla luce dei fatti nuovi, piuttosto che aggrapparsi al passato e ignorare il futuro.

Questa è anche la sfida degli Obiettivi del Millennio e il crescente movimento per la sostenibilità. La sostenibilità in sé è un concetto interessante - una delle tante definizioni di sostenibilità è che si tratta di 'una capacità o la capacità di qualcosa da mantenere o di sostenere se stessa'. Quindi, come fa il 'movimento' ad adattarsi al mantenimento? Potrebbe essere utile per primo guardare a ciò che erano gli obiettivi originali del Vertice del Millennio, e il contesto circostante questo importante evento

Il vertice è arrivato dopo un periodo di grandi conferenze delle Nazioni Unite che esplorano temi diversi come le donne, la popolazione e l'ambiente nel corso degli anni '90. Prima del Vertice del Millennio, ci fu un periodo di consultazione di due anni, esplorando principali questioni globali come i diritti umani, la povertà e l'ambiente. C'è una storia nel guardare le "questioni globali", la definizione di obiettivi, alcuni raggiunti, altri no; ma questo doveva essere un segnale per la data simbolica del secondo millennio, per trovare un nuova posizione e portare nuova energia per i problemi esistenti. Il compito incredibile era quello di identificare le questioni reali, gli obiettivi prefissati, e affrontarli; poi pieni di speranza, il mondo sarebbe stato un posto migliore. Chiunque abbia veramente pensato a questi problemi sarà a conoscenza di quanto siano indissolubilmente legati tra loro.

Dichiarazione del Millennio

Al vertice del 2000, i leader mondiali hanno approvato e adottato la Dichiarazione del Millennio delle Nazioni Unite. La tolleranza e la solidarietà dovevano esdsere incoraggiate, pur affermando che ogni individuo ha il diritto alla dignità, libertà, uguaglianza, e un basilare standard di vita libera dalla fame e dalla violenza. Ora il compito ancora più difficile era quello di rendere tali diritti realizzabili.

Naturalmente, al fine di raggiungere e godere di questi diritti, alcuni dei maggiori problemi del mondo avrebbero dovuto essere correttamente identificati, quindi affrontati e combattuti. La critica è stata fatta alle finalità e agli obiettivi fissati, ma ricostruire la situazione mondiale in pezzi gestibili non è mai facile. Data la complessità delle questioni, il numero di popoli, le lingue e le culture coinvolte, i differenti punti di vista e una così grande varietà in ricchezza economica, questo non sarebbe stato un progetto facile per una singola nazione per non parlare di tutto il mondo delle nazioni. Quindi, è bene sospendere il giudizio sui piccoli dettagli e vederlo come un punto di partenza e guardare avanti.

Obbiettivi

Così, otto Obbiettivi internazionali di Sviluppo del Millennio (MDG) sono stati identificati a seguito del Vertice del Millennio delle Nazioni Unite nel 2000:

1. Per sradicare la povertà estrema e la fame
2. Per raggiungere l'istruzione primaria universale
3. Per promuovere la parità di genere
4. Per ridurre la mortalità infantile
5. Per migliorare la salute materna
6. Per combattere l'HIV / AIDS, la malaria e altre malattie
7. Per garantire la sostenibilità ambientale
8. Per sviluppare un partenariato globale per lo sviluppo.l

Dal punto di vista finanziario, nel 2005 i ministri della finanza del G8 hanno convenuto di fornire fondi per cancellare 55 miliardi di dollari del debito dei paesi più poveri. C'è una linea fine e il dibattito polemico su quanto denaro è diretto ai bisogni immediati e per esigenze di sviluppo. Dobbiamo anche considerare che, così come c'è grande variabilità in termini economici, politici e culture sociali di tutto il mondo, vi è anche una grande variabilità spirituale in termini di comprensione e di pratica. Questi fattori di per sé possono avere un grande influenza su come e dove il denaro, le risorse e l'energia siano distribuiti, nonché i diritti e le libertà di cui gode la popolazione. Per esempio, il denaro destinato a pistole e attrezzature militari visto come "essenziale" per un paese può essere visto come uno spreco di risorse preziose e uno sfruttamento dei diritti umani da parte di un'altra. Per di più, ci sarà spesso una differenza tra le opinioni della maggioranza della popolazione di un paese e le opinioni dei politici e delle imprese organizzate.

Gli obiettivi e gli indicatori sono stati fissati e collegati a ciascuno degli otto obiettivi, al fine di ottenere i diritti stabiliti nella Dichiarazione entro il 2015. Tuttavia, mentre e' molto utile come quadro, si può affermare che gli obiettivi e i traguardi non forniscono un quadro completo, e basarsi su di loro senza la flessibilità della spontaneità può portare ad una impressione distorta di battute d'arresto, progressi e della via da seguire. Inoltre mentre gli obiettivi e i traguardi nazionali potrebbero talvolta essere soddisfatti, questi riflettono percentuali della popolazione nazionale in cui vi possono ancora essere significativi numeri di persone o gruppi svantaggiati all'interno di un paese che non ha raggiunto l'obiettivo.

Amore, Compassione e Buona Volontà

Come l'amore, la compassione e la buona volontà entrano nell'immagione degli obiettivi e della definizione dei traguardi? Quando e dove pazienza, tenacia e tempi giusti di azione cominciano e finiscono? Sono gli obiettivi e i traguardi iniziali sostenibili? Se cerchiamo di affrontare la complessità delle questioni globali puramente in superficie, allora noi sono limitati da quello che possiamo fare e ottenere. E' portandovi rinnovata energia e volontà, che il compito diventa un po' più facile.

Dobbiamo ricordare che la definizione degli obbiettivi e il raggiungimento dei traguardi sono uno strumento e un quadro entro cui lavorare. Quando si fissano obiettivi, non si sa proprio cosa spontaneamente possa verificarsi nel frattempo tra la definizione degli obiettivi e il raggiungimen- to degli stessi. La maggior parte di noi ha probabilmente familiarità con gli obiettivi e la definizione dei traguardi del proprio lavoro per giustificare la spesa, o nelle nostre vite personali per motivarci a di fare di più. Ma l'eccessiva rilevanza degli obbiettivi e dei traguardi può presentare un'impressione distorta del progresso. Abbiamo bisogno di prendere in considerazione anche gli eventi spontanei che non sono vincolati dalle leggi della obbiettivi e dalla definizione dei traguardi.

Il Caso del Nepal

Si consideri ad esempio il Nepal, il paese più povero dell'Asia meridionale. Nonostante questo svantaggio, dalla concentrazione sulle zone più povere e raddoppiando gli investimenti nella sanità, i nepalesi sono riusciti a dimezzare il tasso di mortalità materna, il quale produce un impatto sulla salute e sulla finanza della famiglia, sui diritti e le libertà di cui gode la famiglia e la società. Quindi, sulla base di un semplice obbiettivo di salute materna, è stata fatto significativo progresso.

Tuttavia, nel mese di aprile e maggio 2015, il Nepal subì due terremoti di proporzioni devastanti. Le conseguenze e la complessità dei problemi del ripulire e dell'andare avanti è enorme. Ma il Nepal non è solo; il mondo lo vide e agì. Enorme buona volontà, denaro e risorse sono attualmente diretti in Nepal. Anche utilizzando la migliore tecnologia di previsione, questi eventi non sarebbero stati presi in considerazione nel 2000, quando gli obiettivi sono stati fissati per il 2015.

Mentre per il Nepal, ci può essere una battuta d'arresto in termini di spesa finanziaria, ed il raggiungimento degli obbiettivi e dei traguardi, in termini di buona volontà globale, sicuramente la consapevolezza mondiale, i contributi fatti, e le preghiere e le buone intenzioni messe dal mondo per aiutare il Nepal sono servite anche se non possono ancora essere misurate.

Tornando al quadro globale, i tentativi di misurare i progressi sugli MDGs indicano passi in avanti disomogenei. Nel periodo fino al 2015, alcuni paesi stavano avendo buoni risultati, mentre sembrava che altri avevano poche possibilità di raggiungere tutti gli obiettivi fissati. Nell'introduzione al rapporto del 2015 sugli MDGs, Ban Ki-Moon ha osservato che gli MDGs ", hanno contribuito a sollevare più di un miliardo di persone dalla povertà estrema, a farsi strada contro la fame, a consentire a più ragazze di frequentare la scuola come mai prima e a proteggere il nostro pianeta. Essi hanno generato nuove e innovative partnerships, galvanizzato l'opinione pubblica e hanno mostrato il valore immenso del fissare obbiettivi ambiziosi. Mettendo le persone e i loro bisogni immediati in prima linea, gli Obiettivi del Millennio hanno rimodellato il potere decisionale nei paesi sviluppati e in quelli in fase di sviluppo. Eppure, per tutti i notevoli guadagni, sono pienamente consapevole che le disuguaglianze persistono e che i progressi sono stati diseguali ".

La qualità aspirazionale degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, insieme alla loro semplicità, hanno portato la comunità internazionale in lungo cammino. Il fatto stesso che sono rimasti come un centro di attenzione visibile per i governi e la società civile per quindici anni, quando altri obiettivi delle Nazioni Unite sono sbiaditi dal punto di vista, è notevole. Quindi, può l'umanità trovare una serie di nuovi obiettivi che fungeranno da stella polare per il progresso globale nei prossimi quindici anni?

Sviluppo Sostenibile Obiettivi

ObiettiviNel 2012, Markus Loewe dell'Istituto tedesco per lo sviluppo, ha osservato che ci sono stati due grandi filoni di pensiero dello sviluppo negli ultimi venti anni: uno focalizzato sulridurre la povertà nei paesi in via di sviluppo; e l'altro focalizzato sull'idea della sostenibilità ecologica, messo in risalto per la prima volta al Vertice della Terra di Rio del 1992. Quello che il processo di SDG cerca di fare è quello di unire questi due filoni in un ordine del giorno integrato. Ci saranno inevitabilmente tensioni creative in questo processo, in quanto vi sono differenze di enfasi: ad esempio, la sostenibilità tende a favorire soluzioni che tengano conto del lungo periodo. Ma ogni giorno diventa più chiaro che tutte le cose sono interdipendenti, che la povertà e il disordine ecologico non possono essere considerati isolatamente, e così il mondo sta sviluppando un programma che riconosca e onori questo fatto.

Attraverso la nostra Buona Volontà Mondiale nel blog delle Nazioni Unite (http://lucis.typepad.com/wg-un/), una serie di post recenti coprende alcuni pensieri e progetti per il vertice SDGs nel mese di settembre 2015 all'ONU in New York . Emerge un quadro di un processo complesso che coinvolge molti differenti attori - organizzazioni della società civile , il mondo accademico, i governi e le imprese: un processo che si spera si tradurrà in una agenda visionaria che darà energia al'l'immaginazione della gente in tutto il mondo negli anni a venire. Due definite differenze tra gli MDGs e i progetti SDGs possono essere viste. In primo luogo, mentre gli MDGs sono concentrati principalmente sui problemi delle nazioni meno sviluppate, i SDGs invece riconoscono che i problemi di sviluppo sostenibile sono problemi di tutte le nazioni. E in secondo luogo, la natura ecologica di molti dei problemi significa che il campo di applicazione è esteso ulteriormente, includendo la responsabilità che l'umanità ha nelle sue relazioni con gli altri regni della natura. Così, le SDGs saranno una espressione più completa del principio di universalità, sottolineato da Ban Ki-Moon nel suo Rapporto di Sintesi sul pubblicazione dell' Agenda 2015. Come spiega, l'ordine del giorno degli SDGs è rivolto a tutte le nazioni e di tutti i popoli, tenendo conto della interdipendenza ecologica, economica e sociale, ma anche di riconoscere la realtà dei differenti bisogni e delle capacità nazionali .

Un altro aspetto di questo processo più inclusivo si riflette nella vasta partecipazione di molti gruppi nelle consultazioni e nelle discussioni prima del vertice. Ciò che resta da vedere è se questo ampio coinvolgimento può essere tradotto in un avanzamento che abbia lo slancio necessario per attuare l'agenda. Come sottolineato in un recente articolo di Jimena Leiva-Roesch, Youssef Mahmoud, e Steve Nation, "The SDGs possono scatenare un nuovo potenziale per tutti nella comprensione che le azioni che stanno intraprendendo separatamente sono ora coese in un ordine del giorno mondiale. Ma questo richiede una leadership autentica, dal basso verso l'alto, così come dall'alto verso il basso. "¹ E per questa leadership per stimolare e coinvolgere la gente del mondo, è importante che all'ordine del giorno degli SDGs sia data una forma ispiratrice.

I diciassette obbiettivi proposti sono i seguenti:

1: Fine della povertà in tutte le sue forme in tutto il Mondo;

2: Fine della fame, raggiungimento della sicurezza alimentare, miglioramento della nutrizione, e promozione dell’agricoltura sostenibile;

3: Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti a tutte le età;

4: Garantire per tutti e per tutta la vita una istruzione di qualità completa ed equa e promuovere opportunità di apprendimento;

5: Permettere e potenziare il raggiungimento della parità di genere delle donne e delle ragazze;

6: Garantire per tutti la disponibilità e la gestione sostenibile delle risorse idriche e igienico-sanitarie;

7: Garantire per tutti l’accesso all’energia a prezzi accessibili, affidabile, sostenibile e moderna;

8: Promuovere per tutti, senza interruzioni, una crescita economica completa e sostenibile, l’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso;

9: Costruire un’infrastruttura resiliente, promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile;

10: Ridurre le disuguaglianze nei propri Stati e tra i Paesi;

11: Rendere le città e gli insediamenti umani equi e responsabili, sicuri, resilienti e sostenibili;

12: Garantire consumi e di produzioni sostenibili;

13: Adottare misure urgenti per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze;

14: Conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile;

15: Proteggere, restaurare e promuovere l’uso sostenibile degli ecosistemi terrestri, gestire le foreste in modo sostenibile, lotta alla desertificazione, ed arrestare ed invertire il degrado del territorio e arrestare la perdita di biodiversità;

16: Promuovere società pacifiche eque e responsabili per lo sviluppo sostenibile, garantire l’accesso alla giustizia per tutti e costruire istituzioni efficienti e responsabili a tutti i livelli;

17: Rafforzare le modalità per sviluppare e rivitalizzare un partenariato globale per lo sviluppo sostenibile.

Come ,l' SDGs attuale ,presenta una convincente agenda per riparare le relazioni non solo tra gli esseri umani, ma con tutti i regni della natura? Certo, sarà lo scopo dei prossimi quindici anni delle Nazioni Unite, della società civile globale, dei governi e di altri attori per affinare e animare l' SDGs con il fuoco del loro appassionato impegno-mento.

Persone interessate di buona volontà sono invitate a partecipare al sostegno personale del Vertice dell' SDG, che si svolgerà dal 25 al 27 settembre, attraverso il Ciclo di Conferenze - vedi www.lucistrust.org/cycles/. Con la forza unita di pensiero propositivo,illuminato, siamo in grado di sostenere i partecipanti in questo sforzo vitale per portare gli ideali in un'espressione concreta, dando forma e direzione al progresso umano.

1. Jimena Leiva-Roesch, Youssef Mahmoud, and Steve Nation, Building a Sustainable Future Requires Leadership from State and Citizen, http://bit.ly/1HRqs1a

keep in touch

World Goodwill in Social Media